THE PROJECT

2012 INTERIOR DESIGN OF THE YEAR AWARD

Un modo nuovo di intendere il lusso automobilistico, secondo la scuola di pensiero di Pininfarina. Nasce oggi la Cambiano, concept car elegante e sportiva, raffinata e confortevole. Una seducente combinazione di design puro e d’avanguardia e di ingegneria senza compromessi. Con una grande attenzione all’ambiente, sia nella motorizzazione che nella scelta dei materiali. La Cambiano è l’espressione della Pininfarina di oggi, racchiudendo in sé le competenze della Società in termini di stile, di progettazione e di ricerca nel campo della mobilità sostenibile. Non a caso la scelta del nome è legata alla città che ospita la sede principale del gruppo Pininfarina, che nel 2012 celebra un doppio anniversario: i 30 anni del Centro Stile, insediatosi a Cambiano nel 1982 come “Pininfarina Studi e Ricerche”, e i 10 anni del Centro Engineering, inaugurato nel 2002 per aggiungere alle competenze di stile e progettazione/produzione di nicchia anche quelle di ingegneria per conto terzi, riunendo strumenti tecnologici d’avanguardia ed un team di specialisti di prim’ordine.

Photogallery

La berlina sportiva di lusso rientra in pieno negli archetipi innovativi creati dal design Pininfarina. Il pensiero corre subito ad una pietra miliare della sua storia, la Florida II, concept del ’57 che il Fondatore Pinin Farina concepì e costruì per farne la propria vettura personale, una berlina-coupé con un’impostazione architettonica ed una linea che per molti anni influenzarono la produzione mondiale. In un certo senso, la prima vera concept car della Pininfarina.

Oggi, nel 2012, la Cambiano ridefinisce e reinterpreta quei temi che sono l’espressione più autentica del design Pininfarina: l’armonia delle proporzioni, le linee tese e le superfici fluide, il segno netto che percorre tutta la fiancata e ne valorizza il dinamismo. Con un risultato di grande impatto visivo, enfatizzato da una forma estremamente pura e aerodinamica, basata su segni stilistici essenziali e prettamente funzionali.

In netta controtendenza rispetto al trend generalizzato di un design sovraccarico di segni, la Cambiano afferma così il ritorno della purezza formale come valore assoluto, nella più grande “tradizione” dello Stile Italiano e dell’essenza profonda del Design Pininfarina.

La Cambiano rivela il suo carattere fin dal primo sguardo, a cominciare dalla disposizione anticonvenzionale delle porte: dal lato conducente la vettura si presenta come un coupé sportivo, con una sola porta, mentre il lato passeggero offre due porte con apertura a libro, senza montante centrale, per facilitare l’accesso e valorizzare al massimo l’abitacolo spazioso e luminoso.

Espressione dell’auto come progetto globale, la Cambiano è coerente in ogni dettaglio tra il design dell’esterno e quello dell’interno, così come tra i colori, i materiali e l’utilizzo delle tecnologie. Eleganza e armonia formale si fondano sull’associazione di valori complementari: equilibrio e contrasto, la relazione tra pieno e vuoto, tra solidità e trasparenza. Purezza e semplicità formale diventano elementi di design iconico.

Le proporzioni della Cambiano esprimono dinamismo e fluidità, grazie al frontale basso ed affilato, associato ad un abitacolo in posizione arretrata, leggero e sfuggente. Il corpo carrozzeria, composto da volumi netti e pieni, con grandi superfici tese ma sensuali, è valorizzato dal colore grigio dorato, dai  riflessi azzurrati e cangianti. Gli inserti metallici nel fianco, oltre a reinterpretare il tema delle molure di decoro, accompagnano tutta la vetratura laterale e, al tempo stesso, integrano le funzioni illuminanti e di apertura delle porte. Il grande padiglione a struttura reticolare, etereo e trasparente, completa il corpo vettura, ottenendo così una sensazione di solidità ed elegante raffinatezza al tempo stesso.

Anche il frontale, dal disegno pulito ed essenziale, reinterpreta un tema tipico di Pininfarina: fari integrati nella calandra e passaggi ruota protuberanti. La calandra integra un’apertura dinamica funzionale all’aspirazione della turbina. I fari anteriori con tecnologia LED sono semplici “blocchi” di luce, puri, cristallini. I fanali posteriori e gli indicatori laterali sono come intangibili: solo la luce esiste, apparendo come per magia sulla superficie della carrozzeria. Nel più puro spirito Pininfarina, l’essenzialità della forma diventa un’espressione elegantissima della pura funzione.

La luce è parte integrante del concetto di design della Cambiano, sia dentro che fuori. Il rapporto con la luce naturale è agevolato dal tetto panoramico, traslucido in alcune zone, trasparente in altre. Caratterizzato da una struttura reticolare in carbonio inserita tra il cristallo esterno ed una finizione interna in policarbonato, il padiglione conferisce ulteriore visibilità alla vettura, enfatizzando la sensazione di luminosità e spazio all'interno.

Oltre che elemento naturale, la luce diventa elemento di enfatizzazione sensoriale dell’abitacolo grazie ad una raffinata e funzionale illuminazione d’ambiente, diffusa da guide di luce inserite nel padiglione, nelle porte e nel pavimento. La Cambiano è inoltre la prima auto a integrare nel suo abitacolo una proiezione di video-arte contemporanea creata appositamente dall’artista spagnolo Javier Fernandez con un linguaggio molto personale fatto di immagini manipolate e sovrapposte. Proiettata sul padiglione, l’opera può essere apprezzata dai passeggeri posteriori durante la crociera. 

Gli interni combinano il design elegante e moderno con il comfort, l’ergonomia e la sostenibilità ambientale, mantenendo lo stesso approccio stilistico dell’esterno. Superfici fluide e sensuali, un ambiente chiaro, essenziale, con zone funzionali ben definite: comandi e superfici interattive orientate verso il conducente, area più confortevole e tattile dedicata ai passeggeri. Una plancia fine e leggera, i sedili anteriori sottili ma avvolgenti, sospesi tra consolle e brancardo, in un delicato equilibrio tra pieno e vuoto volto a creare tensione. L’accesso asimmetrico all’abitacolo determina la struttura a foglia, quasi sospesa in vettura, dei due sedili posteriori, i cui ospiti possono godere di un ambiente tanto più comodo e raffinato grazie ad un inedito spazio per le gambe. L’insieme è rivestito con pelli Foglizzo che, su alcuni particolari, sono state personalizzate aggiungendo una speciale punzonatura a punta di Diamante. Le pelli utilizzate sulla Cambiano fanno parte della Pininfarina Leather Collection for Foglizzo, la collezione di pelli e nabuk personalizzati nata dalla collaborazione tra le due aziende torinesi. I rivestimenti dei montanti ed i pannelli porta, invece, sono in acido polilattico, una plastica derivata da sostanze zuccherine, melasse e siero di latte: una soluzione che riduce al minimo l’utilizzo di petrolio.

Il pavimento, perfettamente piatto, così come tutta la parte bassa dell’abitacolo, sono realizzati in legno riciclato. Una scelta dettata dalla scoperta di un materiale meraviglioso, povero e nobile al tempo stesso: il legno delle “briccole”, i pali di quercia europea usati per segnare la navigazione e per l'approdo delle barche all'interno della laguna di Venezia.

Riva1920, storica azienda italiana di mobili in legno massello che collabora con Pininfarina Extra da oltre dieci anni, ha avuto la genialità di recuperare il legno di questi pali di 12 metri, che ogni anno vengono sostituiti a migliaia. Il risultato è sorprendente ed evocativo, con un materiale giunto alla sua terza vita, che mette in rilievo l’unicità della sua texture e la consunzione del tempo che passa : i fori creati dalla teredine marina risultano ancora visibili sulla superficie.

L’atmosfera di estrema raffinatezza che distingue la vettura emerge da un altro prezioso dettaglio della strumentazione: l’orologio realizzato appositamente dalla maison orologiera svizzera Bovet, che può essere estratto dalla plancia e indossato fissandolo al polso con il cinturino. Bovet ha personalizzato per la Cambiano il cronografo sviluppato con Pininfarina Extra nel 2011.

La cura del dettaglio è testimoniata anche dal lavoro svolto sugli pneumatici. Per la Cambiano, infatti, Pininfarina ha sviluppato con la Fate, la principale azienda di produzione ed esportazione di pneumatici in Argentina, il primo pneumatico per auto di alta gamma della nuova linea Ultra High Performance.

La Cambiano fissa anche nuovi parametri di ecosostenibilità nel segmento delle vetture di lusso ad alte prestazioni. Grazie alla perfetta integrazione tra le attività di stile e quelle di ingegneria, il risultato è una berlina elettrica plug-in range extended in grado di coniugare le alte prestazioni con un’abitabilità e un confort da luxury car e con l’assoluto rispetto dell’ambiente. Il tipo di propulsione scelto e il posizionamento del pacco batteria nella parte posteriore della vettura (sotto il vano baule) hanno, infatti, consentito di realizzare un’architettura veicolo con il pavimento perfettamente piano, regolare e basso, a favore di un’ottima accessibilità, vivibilità a bordo veicolo e abbassamento del baricentro. In particolare, il sistema di trazione è costituito da quattro motori elettrici Magneti Marelli, uno per ogni ruota, e dal relativo motoriduttore. La trazione è dotata di APU (Auxiliary Power Unit) per ricaricare le batterie e, quando richiesto, per fornire direttamente energia ai motori: si tratta di una microturbina Bladon Jets da 50 kW, alimentata a gasolio ma compatibile anche con svariati tipi di combustibile mediante specifica taratura. La batteria FAAM è a ioni di litio ad alta potenza e densità energetica ed ha una capacità di 50kW/h, una potenza di picco di  500 kW, si ricarica in 6 ore con rete da 6 Kw/h e in 52 minuti con APU. Unita alla microturbina, consente un’autonomia nel ciclo urbano di 205 Km in puro elettrico, e un’autonomia totale nel ciclo misto NEDC (New European Driving Cycle) di oltre 800 Km in range extended, superiore a quella di auto sportive di lusso con trazione tradizionale. 

Lunghezza massima

5040 mm
Larghezza massima 2000 mm
Altezza massima 1360 mm
Power train 4 motori indipendenti a magneti permanenti, range extended con microturbina a flusso assiale
Package 3 porte, 4 posti
Telaio carbonio e alluminio
CX 0,28
Velocità limitata elettronicamente 250 Km/h
Velocità massima 275 Km/h
Accelerazione da 0 a 100 4,2 sec
Potenza massima dei motori elettrici 600 kW
Potenza di picco della batteria 500 kW
Autonomia ciclo misto NEDC - modalità range extended 800 Km
Autonomia ciclo urbano ECE15 - modalità puro elettrico 205 Km
Autonomia in puro elettrico alla Vmax di 250 Km/h 46 Km (la carica della batteria consente una percorrenza massima di 46 km a 250 km/h di velocità. A batteria scarica con la turbina accesa la vettura raggiunge la velocità massima di 152km/h)
Tempi di ricarica plug-in 6 ore con rete da 6kWh e State Of Charge min 20%

La Cambiano è stata sviluppata con la collaborazione dei seguenti partners:

 

APP TECH – Cerchi 

 

BLADON JETS – Studi per turbina

 

BOVET – Orologio

 

FAAM – Batterie ()

 

FATE – Pneumatici “Concept Tyre from Eximia by Pininfarina”: fascia battistrada asimmetrica, profilo ultra-piatto; dimensioni: anteriore 245/35 R21, posteriore 265/35 R21; tecnologia Green System: bassa resistenza al rotolamento per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente.

 

FERNANDEZ JAVIER – Videoarte

 

FOGLIZZO – Pelli per interni (Nabuk Foglizzo PN 5/N Griffir, Pelle Foglizzo Classic Lord LD011 e Pelle Foglizzo PN 11 Lily White) 

 

GF AGIECHARMILLES - Incisioni laser su molure di alluminio e parti in plexiglass

 

IEE – Strumentazione interna (Human Machine Interface)

 

MAGNETI MARELLI – Motori elettrici/Inverter/Elettronica di controllo

 

RIVA 1920 – Parti in legno degli interni

 

RÖHM ITALIA – Plexiglas® 

 

STANDOX-DUPONT – Paints

ITALIA

Centro Stile e Ingegneria

Cambiano (Torino)

SVIZZERA

Debutto al Salone dell’Automobile di Ginevra 2012

TIMELINE

Automotive

AT THE SAME TIME...